Amedeo Rossetto

 

Amedeo Rossetto nasce nell’isola di Murano, da una rinomata famiglia di maestri vetrai. Suo padre era “Maestro” nella lavorazione delle perle, tutti i suoi zii erano riconosciuti artigiani nell’arte vetraria. Amedeo apprese da ognuno di loro preziosi segreti nell’arte del vetro soffiato. Studiò ai Carmini” Istituto d’Arte di Venezia e iniziò a lavorare nell’isola di Murano. L’atmosfera artistica oltre a stimolarlo, lo sfidava e sosteneva nella sua ricerca appassionata : realizzare nel vetro il suo talento artistico, la sua abilità e amore per il vetro. Nel 1964 gli si presentò l’opportunità di entrare alla fornace Barovier & Toso, dove fece il suo apprendistato con il Maestro Italo Pusteto. Nel 1970 entrò nella vetreria Gino Cenedese come assistente del Maestro Renato Busato e nel 1975 si qualificò sotto ogni aspetto come “Maestro”. Presto si specializzò in varie tecniche come la “filigrana” e il “zanfirico” , seguendo lo stile veneziano che ne rappresentano l’antica tradizione del 1700. Dal 1990 Maestro Amedeo Rossetto lavora unicamente presso la nostra fornace, producendo lavori artistici , nella speciale tecnica chiamata “Murrina”. La”Murrina” è una lavorazione   che inizia nel preparare un fascio di canne di vetro multicolore, disposte in modo da ottenere il disegno prestabilito, quindi si procede alla fusione ed,  in seguito, al taglio in piccoli dischi. Gli stessi vengono posti su una piastra metallica per ottenere il disegno voluto, riscaldati e quindi fatti aderire su un manufatto di forma cilindrica attaccato alla canna da soffio. A questo punto è inevitabile restare affascinati ammirando Amedeo che, soffiando nella canna, produce un magnifico vaso o una coppa di eccezionale bellezza. Il grande talento di Amedeo, arricchito dalla sua eredità artistica, lo rende creatore di pezzi artistici contemporanei e fa di lui uno tra i Maestri più ambiti di Murano, tanto che possedere una delle sue creazioni è un privilegio riservato a veri collezionisti ed amanti dell’arte. 

Francesco Ragazzi

Il Maestro Francesco Ragazzi nasce nell’isola di Murano nel 1965 in una famiglia di antica tradizione Muranese. Inizia a lavorare all’età di sedici anni, nel 1981 nella fornace Vetreria d’Arte Ferro & Lazzarini. Per diversi anni apprese le molteplici tecniche di lavorazione del vetro da grandi Maestri Vetrai come A. Striulli, B.Serena, G. Salmistrari , Giuliano Tosi, Oscar Zanetti, R. Bardella e il famoso GIAN SIGNORETTO. Dopo queste esperienze di perfezionamento professionale era inevitabile che Francesco Ragazzi, ritornando alla Vetreria Ferro & Lazzarini, conscio del suo ruolo di continuatore delle antiche tradizioni, finalmente ricevesse il titolo di Maestro, prestando la sua arte ed esperienza alla realizzazione delle opere più belle. Nel 2004, raffinando le sue tecniche, comincia a realizzare la sua stessa collezione di pezzi moderni creazioni da lui stesso ideate e che diverranno famose nella combinazione di forme artistiche con la dolcezza dei colori. Il Maestro Francesco Ragazzi presta oggi la sua opera nella fornace “Eugenio Ferro & C. 1929” ed è il più promettente tra i maestri emergenti. Continua a creare oggetti in vetro nella più nobile tradizione Muranese realizzando vere opere d’arte apprezzate in tutto il mondo.

Marino Santi

Marino nasce a Murano il 7 Novembre 1967 in una famiglia di famosi vetrai. Inizia il sua apprendistato nel 1985, avendo come unica scuola la fornace, e per tanti anni presta la sua opera in diverse fabbriche muranesi svolgendo diverse mansioni. Queste sue esperienze, lavorando con Maestri famosi come SCARPA, GEREMIA, ORFEO, gli permettono di apprendere le molteplici tecniche di lavorazione del vetro. Facendo tesoro di questo prezioso passato, nel 1994 si comincia ad affermarsi come Maestro per i vetri soffiati finissimi . Si specializza nell’esecuzione di classici Tipetti soffiati. Il Tipetto Veneziano è un grande bicchiere composto da piede, bevante e gambo ed è proprio sul gambo in cui si sbizzarrisce la abilità e la fantasia dell’artista. Marino Santi, conscio del suo ruolo di continuatore delle antiche tradizioni, presta la sua arte ed esperienza alla realizzazione delle opere più prestigiose ricalcate sugli schemi antichi.